- Parrocchia
     - Chiese
     - Santi
     - Sacerdoti
        - D. Ernesto
        - D. Michele
        - D. Mario
        - D. Marco
        - D. Fabrizio
        - D. Giorgio
     - Cons. Pastorale
     - Archivio
     - Associazioni
     - Gruppi
     - Collaborazioni
     - Sala Manfredda
     - Orario Messe
     - Contattaci

 - Oratorio

 - Ordini Religiosi


  Ricerca nel sito
 
Web
parrocchiagalliate.it
Ultimo aggiornamento: 19/04/2017
  
D. Marco

 Torna alla lista degli articoli

2 NOVEMBRE

2 novembre. Giorno in cui in tutto il mondo (credo), anche nei paesi più laicisti come questo Uruguay, ci si ferma a commemorare i defunti. Certo, ciascuno secondo la propria cultura e tradizione, la propria fede e sensibilità. Qui è addirittura giorno festivo, nessuno lavora. Ma…
In questi mesi ho avuto anche altre occasioni per riflettere sul tema della morte: perdita di amici e conoscenti o comunque di persone dei quartieri dove siamo a servizio. Perché qui non c’è «tempo» per vegliare i morti, il giorno dopo (spesso neanche 24 ore) sei già all’ingresso del cimitero. D’altronde chi si può permettere di interrompere il lavoro per tre giorni di fila?
Non mi scandalizza tanto l’assenza della benedizione della salma e della tomba, né dell’impossibilità di raccogliersi a pregare nella casa del defunto o nella chiesa, celebrando l’eucaristia e il rito funebre. Anche se sono un prete! Però mi preoccupa l’aridità del rituale familiare, della vita quotidiana… Lo spazio sacro del passaggio dalla vita alla morte alla Vita mi pare spesso deserto: come puoi «renderti conto» in così poco tempo che un amico o un parente «non c’è più»? Come puoi celebrare il suo ingresso nella vita eterna e la comunione spirituale con lui, se in poche ore «te lo portano via»?
E mentre prego con e per questi miei poveri, torno a compiere il «nostro rituale familiare» e accompagno i miei parenti ad accarezzare con il panno morbido e pulito la bronzea statua che protegge la custodia delle spoglie dei nostri cari, il suo volto materno che il tempo appena invecchia, il lumicino della speranza sempre acceso.
Cari defunti, voi che contemplate il volto di Dio e godete pienamente della sua bellezza, pregate per noi.


Don Marco

Torna alla lista degli articoli
Immagini
visualizza immagine 
Copyright © Parrocchia di Galliate 2005 - Tutti i diritti sono riservati - e-mail:parrocchia.galliate@davide.it
Powered by:  Web Agency, Sviluppo Mobile, Servizi Cloud, Social Marketing